La lobby dello zucchero

zucchero-1La fine del XX secolo e l’inizio del XXI saranno senz’altro ricordati come l’era dello zucchero.

Chi ha vissuto negli anni ’80 certamente si ricorderà questo spot pubblicitario, inno allo zucchero e alla vita, che la TV riproponeva ad ogni ora del giorno e della sera, la notte no, ma solo perchè all’epoca le trasmissioni di notte si interrompevano.

Per anni ci hanno fatto credere che lo zucchero faceva bene. Fino a qualche anno fa quando si comincia a parlare della quantità ingente di zucchero che ingeriamo, senza accorgercene, in quanto è presente in moltissimi alimenti di uso comune.zucker110-_v-img__16__9__xl_-d31c35f8186ebeb80b0cd843a7c267a0e0c81647

E cosa succede poi?

Succede che si scopre che tutti gli studi americani sulla nocività dello zucchero nelle malattie cardiache siano stati falsati da scienziati corrotti e pagati dall’industria americana dello zucchero. Una vera e propria lobby. Bastava far puntare il dito accusatore sul colesterolo e sui grassi saturi.

Sono un’ingenua, lo so, ma ogni volta che leggo notizie del genere ci rimango male.

La notizia completa la potete leggere in quest’articolo di La Repubblica


Alcune delle fotografie utilizzate in questo blog sono prese da internet.  Chi ne detiene i diritti può richiederne l’immediata  rimozione.
Annunci

30 thoughts on “La lobby dello zucchero

  1. Eh già… e il grosso problema è che siamo bombardati dallo zucchero nella vita di tutti i giorni, spesso inconsapevolmente: lo si trova ovunque, dai cereali pseudo-light, agli snack cosiddetti “leggeri”, ai famosi yogurt “magri”, con “zero grassi”, salvo poi leggere nell’etichetta che, per sopperire all’assenza di grassi, il quantitativo di zuccheri è stato aumentato esponenzialmente, fino a 17/15 gr per vasetto … praticamente si fa prima ad ingurgitarne un cucchiaio da minestra. E’ vero che lo zucchero è la fonte primaria di energia, ma mediamente non abbiamo bisogno di tutta questa “benzina”, specialmente chi fa una vita prevalentemente sedentaria e si ritaglia a fatica un’oretta al giorno per un po’ di palestra o per una leggera corsetta, ma con un dispendio energetico comunque limitato. Lo zucchero non utilizzato per scopi energetici si trasforma in grasso, ed ecco a voi la causa principale di obesità e di malattie cardiovascolari ad essa collegate. In media stat virtus: mangiare di tutto con moderazione, in modo sano, vario e soprattutto consapevole. Baci cara Monica! 🙂

    Liked by 1 persona

  2. Sto evitando da anni sali zuccheri e olio.
    Il sale (aggiuntivo alla cottura) lo metto solo sull’ovetto, altrimenti mangio anche l’insalata senza condimento.
    Colazione: latte e fette biscottate, no zucchero. Nemmeno nel caffé.
    Olio: mai, neppure su bistecche.

    Forse sono un maniaco, però ormai ci siamo resi conto che tutte queste aggiunte non fanno bene per nulla, e spesso servono solo per abitudine del palato. Io l’ho disabituato, riscoprendo molti sapori più naturali (anche se magari meno intensi).

    Liked by 1 persona

      1. ma io mangio molto poco,da sempre equasi sempre formaggio greco-feta- condito a pezzetti con grande insalate. oppure minestre di farro o di grano, yogurt greco,son vegetariana da oltre 20 anni e sto bene così.ciauuu

        Liked by 1 persona

  3. Mio papà è morto di diabete.
    Io sto attento agli zuccheri.purtroppo bevo molte bibite.lo so che non è salutare,ma bere sempre acqua….e senza aromi.
    Amo il gelato,altro veleno.ogni volta che mi dico di non fare certe cose,poi ci ricasco.eqdura non mangiare gelato e bere sola acqua.

    Liked by 1 persona

  4. Lo zucchero non lo uso mai. Ho un sacchetto di zucchero di canna che staziona nella mia dispensa da anni… Ogni tanto, specialmente in inverno, uso il miele ma solo in caso di raffreddori e mal di gola. Per il resto ho abolito ogni cibo industriale e tranne un po’ di cioccolata fondente oltre il 70%, lo zucchero lo assumo solo mangiando frutta, verdura e cereali…

    Mi piace

    1. sei un caso raro. Io sto cercando di modificare le mie abitudini e di eliminare i cibi industriali ma il processo è più lungo di quanto immaginassi anche perchè non tutti in famiglia abbiamo la stessa sensibilità all’argomento e invece queste devono essere scelte condivise e consapevoli

      Liked by 1 persona

      1. Io l’ho fatto per salute ma a casa mia mica tutti condividono… Così in dispensa accanto ai miei semi di lino c’è la Nutella e insieme alle mie bacche di goji e al grano saraceno spuntano le merendine… Ad esempio oggi a pranzo mia figlia mangia la pasta, mentre io la quinoa… Ieri quando mia figlia è tornata dal supermercato ho guardato nella borsa e le ho detto: -Con tutte le schiacciate artigianali che vendono, ti dovevi proprio comprare le focaccelle di Banderas?- E’ una lotta…

        Liked by 1 persona

  5. …in aggiunta al precedente commento: quando ho smesso di mangiare zucchero ho messo in terrazza un vaso di stevia e ogni tanto mangiavo una foglia. Adesso non la raccolgo neanche più… la tengo come pianta (poco) ornamentale…

    Mi piace

      1. Io comprai la pianta anni fa… quando per l’uso alimentare in Europa era ancora illegale (si poteva tenere come pianta ornamenale ma non mangiare). Ogni anno dal suo vaso ributta e allora io la tengo più per affetto che per necessità…

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...