La via della felicità

ODowd

Cosa in realtà ci rende davvero felici?

I soldi e una vita agiata?

La salute?

Il potere?

Un lavoro di successo?

Assolutamente no!

Per essere felici dobbiamo solo seguire il nostro cuore e coltivare i nostri hobby e le nostre passioni. Ognuno ha la propria, anche quella più astrusa e strana va bene, l’importante è che ci appassioni. Quindi non ha importanza se ci piace dedicarci al giardinaggio, ad un buon libro, allo sport, al ricamo o agli origami. L’importante è investire il proprio tempo su noi stessi e alle cose che ci rendono felici.

L’articolo apparso su Huffington Post a inizio anno  si basa su una ricerca americana che sostiene che dare maggior valore al proprio tempo invece che ai soldi conduce alla felicità. Dobbiamo quindi lavorare di meno per essere più felici?

Probabilmente sì.

Nella mia esperienza personale ho incontrato molte persone workaholic. Questo termine inglese  ben delinea le persone dipendenti dal lavoro, una dipendenza patologica.

Questa è la definizione che si trova su Wikipedia: “La sindrome da dipendenza dal lavoro o sindrome da workaholism è un disturbo ossessivo-compulsivo, un comportamento patologico di una persona troppo dedita al lavoro e che pone in secondo piano la sua vita sociale e familiare sino a causare danni a sé stessa, al coniuge, ai figli”.

I workaholic che ho incontrato di persona non hanno una vita al di fuori di quella lavorativa. Non hanno interessi, spesso non hanno una famiglia o, se ce l’hanno, la considerano più un peso che una gioia.

Dedichiamo quindi il nostro tempo a noi stessi e alla ricerca della felicità, una ricerca costante ma non facile, che ha bisogno di tutta la nostra dedizione.9673447336_797fafc425

La vita è costellata da impegni e svincolarsi diventa sempre più difficile. Ma una cosa che ci regala la maturità e gli anni che passano, è la consapevolezza che la vita scorre inarrestabile e non si ferma mai neanche di fronte agli eventi più tragici.

PANTA REI “tutto scorre” diceva Eraclito e aveva ragione.

Fermiamoci e riprendiamo la nostra vita, non facciamo che il treno passi senza neanche aver provato a prenderlo al volo.

 

Annunci

15 thoughts on “La via della felicità

  1. Tante volte, in ufficio, viene dato per scontato che una persona non sposata e senza figli possa fermarsi a lavoro senza limiti di tempo. Eppure anche noi abbiamo una vita oltre il lavoro… può non essere fatta di bambini e mariti, ma sicuramente di cose che ci fanno stare bene.
    Almeno, per me è così.

    Liked by 2 people

    1. Purtroppo vengono date per scontate troppe cose. Indipendentemente da motivo per cui una persona vuole andare a casa dopo il suo NORMALE orario di lavoro non deve essere oggetto di considerazione.
      Questo è un mal vivere tutto italiano dove l’efficienza non viene premiata quanto il presenzialismo che viene invece visto come disponibilità assoluta verso il lavoro

      Liked by 1 persona

  2. Parole sante che condivido al 100%! Dal momento che il normale orario di lavoro mi consente di vivere dignitosamente preferisco dedicare il mio tempo libero ad altre cose più piacevoli…
    E poi se fai due conti a volte “guadagni” più che a stare a fare gli straordinari… Ti faccio un esempio: se nel tempo libero fai una torta in casa e confronti quello che hai speso (ingredienti, elettricità, tempo dedicato) con quello che sarebbe costato comprarla in pasticceria… scopri che hai guadagnato più che a fare un’ora di straordinario!

    Liked by 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...